La natura mette a disposizione dell’Uomo una vasta gamma di alimenti  da consumare all’interno di precise stagioni. Alimentarsi con cibi di stagione comporta, infatti, numerosi vantaggi, quali una maggiore disponibilità di vitamine e sali minerali, un rafforzamento del sistema immunitario e un benessere generalizzato che si estende sia alla mente che al corpo.

Nella nostra carrellata di diete dedicata agli alimenti di stagione, vogliamo parlare della zucca, un ortaggio tipicamente autunnale e invernale. La zucca è un ortaggio originario del Messico e appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee. Quella che viene spesso utilizzata per creare la lampada a teschio nelle feste di Halloween è la zucca gialla, botanicamente chiamata “Curcubita maxima”.

La zucca gialla ha un frutto dalla forma sferica di colore arancio/ giallo e polpa sempre  di colore arancio e dal sapore dolciastro. Questo frutto può raggiungere anche gli 80kg. Le proprietà nutrizionali della zucca sono notevoli con presenza di vitamina C che rafforza il sistema immunitario e potassio che riduce la ritenzione idrica, abbassa la pressione e tiene in salute i muscoli e il cuore.

Notevoli anche le proprietà dimagranti della zucca che contiene appena 18 calorie per 100 grammi di prodotto. Questo ortaggio per le proprietà appena indicate può essere utilizzato benissimo per una dieta ipocalorica a scopo dimagrante.

Come funziona

La dieta della zucca è un regime alimentare ipocalorico della durata di sette giorni, in cui si possono perdere anche 6 chili. Oltre alle proprietà dimagranti, la zucca ha anche specifiche proprietà estetiche. La presenza di vitamica C e di potassio stimola infatti la circolazione e combatte la ritenzione idrica responsabile della cellulite e dell’opacità della pelle.

Con la dieta della zucca, insomma, si ottiene un doppio risultato: dimagrire, combattere la cellulite e avere una pelle più giovane e luminosa. Segnaliamo anche che l’effetto dimagrante della zucca è dovuta alla presenza di carboidrati che combattono il senso di fame inducendo a mangiare di meno.

Fare la dieta della zucca non significa però mangiare zucca dalla mattina alla sera, ma consumare piatti a base di questo ortaggio nel corso dei pasti della giornata e nell’ambito di un regime alimentare ipocalorico.

Nel corso dei sette giorni non si dovrà fare altro che iniziare con colazione a base di yogurt, caffè d’orzo o latte scremato a cui abbinare fette biscottate integrali, proseguendo con un pranzo a base di 70 grammi di pasta integrale condita con crema di zucca  o piselli, a cui far seguire 250 grammi di zucca cotta a vapore. La cena potrà, invece, essere accompagnata dalle proteine del pesce, da un contorno e al massimo 50 grammi di pane integrale.

Il pranzo del secondo giorno potrà prevedere una minestra  a base di legumi e zucca, mentre la cena potrà essere accompagnata dalle proteine dell’uovo e dalla crema di zucca.

La stessa regola vale per i giorni successivi e fino al settimo, in cui a pranzo o a cena e nell’ambito di un regime ipocalorico fatto di quantità limitate di pasta, pane e proteine alternate della carne, del pesce, dell’uovo e dei formaggi magri, si aggiungerà una discreta quantità di zucca cotta a vapore o ridotta in crema, che bloccherà  il senso di fame regalandovi un’ottima silhouette. Ricordiamo che l’esatta prescrizione della dieta ipocalorica a base di zucca va sempre effettuata da un medico nutrizionista.

Fonte immagine: veganhome.it

Rosalba Mancuso